Cookie Consent by Free Privacy Policy Generator
Tuesday, 26 July 2016 00:00

Isidoro della Natività della B.V.M.

Nacque a Carpeneto, in provincia di Alessandria, il giorno 8 luglio 1696. Fu battezzato nello stesso giorno per pericolo di morte e gli fu imposto il nome di Giacomo Antonio Sciuto. Terzo di quattro fratelli, apparteneva ad una modesta famiglia, di profonda fede e di grande laboriosità. Per le varie difficoltà del suo tempo rimase privo di cultura e pressoché analfabeta come molti tra i suoi contemporanei, riuscendo soltanto a leggere.
Nel 1721 entrò nell’Ordine del Carmelo e l’8 settembre, festa della Natività della Vergine, ne indossò l'abito nel convento di S. Maria della Scala in Roma, dove trascorse due anni di formazione. Procurò subito di apprendere il vero spirito carmelitano dedicandosi, distinguendosi nella fedele ed esatta osservanza di ogni prescrizione. Approfondendo la conoscenza della storia dell'Ordine, fu attratto particolarmente dalla gigantesca figura del profeta Elia e da santa Teresa di Gesù, Il 9 settembre 1723 emise i voti solenni nelle mani del consigliere generale padre Bernardo Maria di Gesù.
Non destinato al sacerdozio, fu adibito al servizio della questua, percorrendo le strade di Roma e del Lazio in una itineranza senza sosta per chiedere la carità dei fedeli e giovare così alle necessità della sua comunità con spirito di fede e di fraterna disponibilità.
Fu un uomo di grande fede che attinse alle sacre fonti della Scrittura e all'insegnamento della Chiesa. Dalla poche fonti conservate è attestato che egli trascorresse lunghe ore di preghiera dinanzi al Signore, di notte e di giorno; allo spirito di orazione aggiunse l'esercizio di continua penitenza. Da fonti coeve egli fu definito "santerello", espressione sintetica del suo apostolato spicciolo e umile, permeato di grande compassione e commiserazione per tutte le miserie umane del suo tempo.
Spinto dall'amore verso la spiritualità carmelitana e desiderando promuoverne lo sviluppo, con licenza dei superiori «radunò molte oneste vergini devote a Dio, e, dopo averle formate in ogni genere di virtù, le rivestì dell'abito del nostro terz'Ordine. Correva l'anno 1737. In seguito vi fu l'approvazione dell'Ordine Carmelitano e del Vescovo della diocesi di Veroli essendo quella prima casa in Boville Ernica (Bauco). Essa diverrà la culla dell'Istituto; da essa sciameranno altre comunità impegnate in scuole, asili ed altre opere di assistenza. Furono dapprima denominate "Maestre pie carmelitane" e si impiegheranno nel curare la formazione umana e cristiana delle fanciulle».
Nel 1767 il suo Istituto venne affiliato all'Ordine con il compito specifico della santificazione dei propri membri attraverso una vita di orazione e di unione con Dio congiunta all'apostolato tra la gioventù nelle parrocchie, negli asili, nelle scuole e collegi e nei laboratori per ragazze.
Due anni dopo, venne colpito da una malattia che si manifestava con affanno di petto, tosse convulsa ed altri malanni. Ricevuti i conforti religiosi, con l’assistenza dai confratelli di S. Maria della Vittoria in Roma, il 23 dicembre 1769, a 73 anni di età, morì.

 

L'Inchiesta diocesana sulla "vita, virtù e fama di santità" si è chiusa il 21 giugno 2005. Il decreto di validità è stato concesso il 13 luglio 2007.

Read 3596 times Friday, 04 November 2022 15:37

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

* K2_ENTER_PRIVACYK2_TERMINI_PRIVACY